RACCONTALO A CQ24

Campi Rom, il nuovo regolamento bloccato dalla burocrazia

Doveva entrare in vigore entro ottobre, invece non sarà attivo prima del 2018. Non ci sono i tempi tecnici. Ma intanto il fenomeno dei fumi tossici dilaga

TORINO. Il regolamento sui campi Rom che era stato presentato qualche mese fa e che avrebbe dovuto entrare in vigore entro ottobre, non sarà attivo prima del 2018.

Ricordiamo i punti del regolamento che doveva essere introdotto in quattro campi: Via Germagnano, Strada Aeroporto, Sangone e Le Rose. I Rom dovevano pagare una tassa di 600 euro per piazzola, dovevano pagare le utenze, il permesso era rinnovabile di anno in anno solo per chi rispettava le regole. I nomadi dovranno pagare i debiti pregressi.

Il problema principale, nel ritardo del regolamento, è nella burocrazia considerando le modifiche apportate ad un regolamento già esistente.

L'Assessore alle politiche sociali Schellino fa presente che attualmente il Comune non ha i mezzi per imporre il regolamento e come già era noto sarà necessario ampliare il Nucleo Nomadi. Il consigliere Magliano interviene dicendo che i fumi da Strada Aeroporto a Via Germagnano continuano ad intossicare i cittadini. Dice che i campi autorizzati sono un disastro mentre quelli abusivi si estendono. I cittadini anche riuniti in comitati da tempo chiedono una cosa soltanto: "Basta fumi tossici!".

FEDERICA FULCO

Categoria: